Mosaico contemporaneo: Come ti confidavo, si tratta di una necessità di Musica che mi trasfigura.

mosaico contemporaneo. Orodè Deoro

Come ti confidavo, si tratta di una necessità di Musica che mi trasfigura.                     Pannello di cm 40×40 in ceramica ritagliata a mano nel puro stile orodeico. (Work in progress, manca di stuccatura nera)

Foto di gruppo, alla M77 Gallery…

1441426_10152837276497769_2334615565812438319_n (1)

Ogni tanto è bene mostrare non solo le opere ma anche chi le fa. Così, perché in fondo     non ci sarebbero le opere se non ci fossero gli autori, no? Considerando la vita come opera, l’autore come opera, più grande di quelle che fa con le proprie mani.                         In questa foto,  un’onda dal Salento a Milano, col mio amico Fabio Novembre, Luca ed Ercole Pignatelli e il gallerista Giuseppe Lezzi, nella sua M77 Gallery

y adelante! Avanti! En marche!

Poesia IMPOSSIBILE dictu. Opera da performance. Su testo “Leggenda” di Carmelo Bene:

Orodè Deoro. Poesia impossibile dictu. cm 70x170. 2014 (bx)

Poesia impossibile dictu. Carta di cm 70×170. 2014

Opera realizzata dal vivo nella performance per sola voce e pittura, realizzata allo ZEI Spazio Sociale di Lecce, il 13 novembre 2014, con l’attore Simone Franco e il poeta Simone Giorgino. Testo: “Leggenda“, poema inedito di Carmelo Bene

… di seguito due momenti, da solo e con i miei compagni di viaggio:

10734065_10205505438778111_112522785213199650_n 16208_10152825274462769_5062369553929470852_n

Mosaico contemporaneo: Ritratto: Il fiore bianco. Ceramica ritagliata a mano e stucco su pannello. cm 50×60

Il fiore bianco. Cm 50x60. 2014 (bx)

Questi i risultati in termini di ritratto, oggi, con la ceramica ritagliata a mano ed il mio disegno:

Il fiore bianco. Ceramica ritagliata a mano e stucco su pannello. cm 50×60. 2014

Il fiore bianco. part1 (bx)

Il fiore bianco. part2 (bx)

Triennale Design Museum. Neoprimitivismo. Testo critico. Mio trittico.

Qui di seguito la copertina del prezioso catalogo- edito Corraini e col progetto grafico di Italo Lupi- della Triennale Design Museum, aperta fino al 22 febbraio 2015. Tra le tante opere- circa 600- che fanno la storia del design italiano degli ultimi 80 anni, secondo la curatela di Beppe Finessi, anche il mio trittico in ceramica ritagliata a mano, “Autoritratto mentre creo. Il mio atelier”, di metri complessivi 2,5×1. Opera realizzata ad inizio del 2014, è disposta a chiusura del percorso voluto da Finessi, nella sezione “Neoprimitivismo“.

Di seguito una brevissima presentazione di Beppe Finessi, una foto con alcune delle opere esposte tra cui il mio trittico, appeso in alto sulla sinistra, ed infine il testo critico con cui nel catalogo si presenta la sezione “Neoprimitivismo”
TDM-7_il-design-italiano-oltre-le-crisi

“Progettare ai tempi delle crisi economiche sembra essere una condizione particolarmente favorevole allo stimolo della creatività. Certo, da sempre “la necessità è la madre dell’invenzione”, e facendo “di necessità virtù” sono spesso nati progetti realmente innovativi. Anche nel nostro paese, anche per il Design Italiano.
Così questa edizione del Triennale Design Museum prova a indagare una nuova possibile storia, quella che va dalla metà degli anni Trenta, quelli dell’Autarchia, attraversa la crisi petrolifera del 1973, gli anni dell’Austerità, e arriva alle difficoltà globali dei nostri giorni, e alle risposte possibili che passano anche attraverso l’Autoproduzione.” (Beppe Finessi)

museo-del-design12

NEOPRIMITIVISMO: Nei momenti di “crisi” bisogna imparare a scegliere, o lanciandosi in utopie futuristiche, oppure ripartendo da sé, dalle proprie origini “concrete”. E il guardarsi dentro, il più indietro possibile, riporta agli albori, a quei pensieri primitivi e alle opere primigenie che sono state le scintille per l’avanzamento della tecnica e delle arti. Così oggi, nel design contemporaneo, sembra stia nascendo una nuova “generazione” di autori (non necessariamente legata all’anagrafe) che usando tecniche semplici e materiali non preziosi, e soprattutto un linguaggio povero, chiaro e onesto, realizza opere e oggetti spesso autoprodotti, dedicati ai gesti “primari”, quasi una ricerca alle origini dell’atto progettuale. (…) Allora, come dicevano di sé i Futuristi in uno dei loro “manifesti”, saranno questi designer “i Primitivi di una nuova sensibilità completamente trasformata?”